Dopolmesd    Nter m che m la ragiuna / a m gh tcc i ns pensr:

na quach che i me maguna, / ma quach dter pi ligr.

Che belssa se i me nina, / specialmnt dopo l mesd,

quando l sul a l se mpapina / s n del mss al cl ser

o scondt de dr a na pianta, / l f baoct tra ram e ram!

La sigala ntat la canta / buna a l de sinsigm.

Gh n udr de fe de mnta / chi i che i grigna z n del prat?

Quando i vci i se ndormnta, / s-ccc e s-cte i la scombt.

Parolune e paroline / che i se ncrusia i se cr dr,

come tate rsetine / s la pnta del cross.

E i v n s, s per la ra / p i me sdgia e i parla pi.

Sre i cc e f la spia: / csa ghai de cnt s?

- M far chl che comanda / coi spaline tte dr

ghavr smper l de banda / quach balres de f cr.-

 Cara t se l v la gura / gh percol de fs mal;

se sla prd p l prim chi sra / s n pres l l generl!

M pitst far l pota / che l gh l cr mlz e pi b.

Se liscriv, che bla ta! / Lisberls tcc i cant!

E t Nina? - Che domanda / te s prpe mp curis:

quando m sar pi granda / chl che ffar l mors!-

Ambissi, fm e carssa, / prim pensr e prim bisgn;

paroline che i se ntrssa / quando i s-ccc i gh mia sgn!

Ura l sul l dr che l viasa. / Frse a l l vl d la s:

co, i vder i se mbrasa / prpe ntt che l passa f!

P l ghe d na smiciadina / dr a na ssa: rse e sp.

Gh na bca berechina / che la scrca l prim bas.

-Me let b?- S Qut?-Te l gire / che spl gnach cnttel s!

-Bra, m nvce te sigre / che te nvle tch de pi.

Dghel pr a la t mama / che gh ida de f mp prst.

L tat ciara la m fiama / che l par trbe tt ol rst!-

E difati ol sul de crsa, / perch i ghabie de st n pas,

liscantuna e n f l se smrsa / dr a na nola de bombss.

suspr, fil de arita, / profmada drbe e fir

l ol momnt che tcc i spta: / la passada de lamr.

Laria fresca la sinsga / tte i fe che gh si ram

La sigala la sfadiga buna / a l de sinsigm!

Dr a na fila de rbine, / laqua ciara n de lind,

la trangt i paroline / e i a prta de lont.

La comr l am piegada / z n de lmed coi zencc,

per fin de f bgada / prim che l d lischisse i cc.

Ol laur quando che l rda, / l compgn dna cans:

sbt i pagn s n dna prda, / resenti, f s l mont.

Tte i smagie iss i se nga, / i se smnta p a i ricm

La sigala la spessga / a cant per sinsigm!

Gh am ol sul che liscorisa / f di nole de bombss:

ma l smrt come na spusa / che la gh de marids!

 

TRADUZIONE

Noialtri uomini di intelletto (che ragioniamo) / abbiamo tutti i nostri pensieri:

qualcuno che ci rattrista, /ma qualcun altro pi leggero.

Che meraviglia se ci cullano, / specialmente il pomeriggio,

quando il sole va in tilt / lass in mezzo al cielo sereno

o, nascosto dietro un albero, / gioca a nascondino tra ramo e ramo!

La cicala intanto canta / anche lei in vena di stuzzicarmi.

C un odore di foglie di menta / Chi ride gi nel prato?

Quando i vecchi si addormentano, / ragazzi e ragazze battibeccano.

Parolone e paroline / che si incrociano e si rincorrono,

come tante rosette / sulla punta del crochet (uncinetto).

E risalgono la salita / Poi mi vedono e si zittiscono.

Chiudo gli occhi e faccio la spia: / coshanno da raccontarsi?

-Io far quello che comanda / con le spalline dorate

Avr sempre al mio fianco / qualche maggiolino (subalterno) da far correre. -

Caro mio, se viene la guerra, / si corre il pericolo di farsi male;

se la si perde poi il primo che rinchiudono / in prigione il generale!

Io piuttosto far il poeta / che ha il cuore tenero e buono.

Se scrive, che bella vita! / luccicano tutti gli anfratti!

E tu Nina? - Che domanda! / Sei proprio un po curioso:

quando io sar pi grande, / quello che faccio far il fidanzato! -

Ambizioni, fumo e carezza, / primo pensiero e primo bisogno;

paroline che si intrecciano / quando i ragazzi non vogliono dormire!

Ora il sole sta viaggiando. / Forse anche lui vuol dire la sua:

ecco, i vetri si fanno di brace / proprio mentre passa!

Poi d una sbirciatina / dietro a una siepe: rose e spine.

C una bocca birichina / che scrocca il primo bacio.

-Mi vuoi bene? - S- Quanto? - Te lo giuro / che non si pu raccontare!

- Brava, io invece ti assicuro / che te ne voglio un pezzo in pi.

Dillo pure a tua madre / che ho intenzione di fare presto

cos chiara la mia fiamma / che sembra torbido tutto il resto! -

E difatti il sole di corsa, / perch rimangano tranquilli,

scantona e alla fine si spegne / dietro una nuvola di bambagia.

Un sospiro, un filo di arietta / profumata derbe e fiori

il momento che tutti aspettano: la passata dellamore.

Laria fresca stuzzica / tutte le foglie che ci sono sui rami

La cicala si affatica / anche lei in vena di infastidirmi!

Dietro una fila di robinie, / lacqua chiara nellandare,

inghiotte le paroline / e le porta lontano.

La comare ancora piegata /gi nellumido con le ginocchia,

per finire il bucato / prima che il giorno chiuda gli occhi.

Il lavoro quando rende, / come una canzone:

sbattere i panni su una pietra, / risciacquarli, fare il mucchio.

Tutte le macchie cos si annegano, / si smontano anche i ricami

La cicala si affretta / a cantare per infastidirmi!

C ancora il sole che curiosa / fuori dalle nuvole di bambagia:

ma smorto come una sposa / che deve prendere marito!

Noialtri uomini di senno/ abbiamo tutti i nostri pensieri:

qualcuno che ci rattrista, /ma qualcun altro pi leggero.

Che bello se ci cullano, / specialmente il pomeriggio,

quando il sole va in tilt / lass in mezzo al cielo sereno.

 

Carmelo Francia, 8 aprile 1962