CSINA GIA di Mario Rota

Cucina vecchia

 

 

La stansa de che mghra la csina

lra s e no sdes mter quder

e n pi la fa de sala, bagn, cantina,

per quatrdes fradi, pder e mder.

Difati, vt fradi e ss sorle

a ms cresscc l, strcc come sardle.

 

Smper in gura co la nsta pansa

i ns-cc i se fa n snto per pasim

come bandra mghra la speransa

e la parola drden lra fam!

Pta, ssa b, a llavrss vst a rb

pche a laur e tance a nd de crp

 

Quace sspr dencc a chl cam

quando che mse ncuacia n di sire grise

a d ol Rosare grancc e picin

i cc incantcc de sura i fiame amise;

piene dinvs i nste Avemarie

i nda s dr a la capa coi fale.

 

A i ra tp balrcc, gh pch de d

a se a pensaga inc l pl f marva

per m dl: se t lera l burs

a l rimedia l calr de la fama;

calr che lmanca inc e motivo in fnd,

de tt ol cotobi che gh in del mnd.

 

 

Se gh lar che lme f dispiassr

l quando de e chsto in tante c

che i s-ccc, poer , i come presunr

no i pl gna mes e no i pl pi zg.

A i a ncadna l al televisr

e s che i stanse adss i pi de lur

 

Alura lra mi chla csina

chl n fcc de fadighe e sacrefsse

ma pi de pas compgn dna cesina,

in d i m genitr, che benedsse,

i mha insegnt a iga riernsa

per la poert, la crus e la Proidnsa.

 

 

 

 

La stanza dove avevamo la cucina

era s e no un sedici metri quadri

in pi faceva da sala, bagno, cantina,

per quattordici fratelli, padre e madre.

Difatti, otto fratelli e sei sorelle

siamo cresciuti l, stretti come sardine.

 

Sempre in guerra con la nostra pancia

i nostri si facevano in cento per quietarci

come bandiera avevamo la speranza

e la parola dordine era fame!

Pta, si sa bene, lavrebbe visto anche un orbo

pochi a lavorare e tanti ad andare di corpo.

 

Quanti sospiri davanti a quel camino

quando ci rannicchiavamo nelle sere grigie

a dire il Rosario grandi e piccini

gli occhi incantati sopra le fiamme amiche;

piene di desiderio le nostre Avemarie

salivano su per la cappa con le scintille.

 

Erano tempi balordi, c poco da dire

anche se a pensarci oggi pu meravigliare

per bisogna dirlo: se vuoto era il borsellino

rimediava il calore della famiglia;

calore che manca oggi e motivo in fondo,

di tutto il guazzabuglio che c nel mondo.

 

 

Se c una cosa che mi fa dispiacere

quando vedo e questo in molte case

che i bambini, poverini, sono come prigionieri

non possono n muoversi n giocare.

Li incatenano l al televisore

e s che le stanze adesso sono pi di loro.

 

Allora era meglio quella cucina

quel nido fatto di fatiche e sacrifici

ma pieno di pace come una chiesetta,

dove i miei genitori, che benedico,

mi hanno insegnato ad avere riverenza

per la povert, la croce e la Provvidenza.