Cans de Carnel

Canzone di Carnevale

 

 

Regrde ste giornade

algre al Carnel,

adss i s cambiade,

i par fenerl.

Spl miga ss algher

co i gure che sct

l prope na monada

de f niss contt.

 

Pum pum... l can.

Fii, s coragio,

gh pi de lmentss

E stm in alegra,

che prst a m gh la pas.

 

I turner chi tp,

de fa di sbaracade,

a lturner l botp,

de f di grignunade.

L chsto laugurio,

del Merica Giop,

che l turne lalegra,

a tcc i Sitad.

 

Pum pum... I can.

Fii, s caragio,

sacrifichm a i strass.

E stm in alegra,

che prst a m gh la pas.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricordo queste giornate

allegre a Carnevale,

adesso si sono cambiate

sembrano un funerale.

Non si pu essere allegri

con le guerre che succedono

proprio uno sproposito

da non far nessuno contento.

 

Pum pum il cannone.

Figlioli, su coraggio,

non c pi da lamentarsi.

E stiamo in allegria,

che presto avremo la pace.

 

 

Torneranno quei tempi

delle cene in allegria,

torner il piacere

delle grasse risate

questo laugurio

del Merica Gioppino,

che torni lallegria

ad ogni cittadino.

 

Pum pum il cannone.

Figlioli, su coraggio,

sacrifichiamo anche gli stracci.

E stiamo in allegria

che presto avremo la pace.