Iv conosst ol Merica?

Pcol co i gambe a archt,

epr co la chitara

l lfa smper bl vd.

Sent, car i me sire...

e i storie bserune

i fiora col s estro

s i fati e s i persune...

E i bta z la Fra

e i slarga ol Senter... .

A i passcc chi tp

e l Merica e i s cans!

(Avete conosciuto il Merica? / Piccolo con le gambe ad archetto, / eppure con la chitarra / lui faceva sempre un figurone. / Ascoltate, cari i miei signori / e le storie buggerone / fiorivano con il suo estro / sui fatti e sulle persone / E buttano gi la Fiera / e allargano il Sentierone. / Sono passati quei tempi / e il Merica e le sue canzoni!).

 

L ch ol ritrcc precs

del Merica Gioan

che l diertt trentgn

i s consitad.

Imp col fai vgn gnch

imp col fai grign

e smper a bscga

de bf e da mai.

Quando lcanta i disa:

Ma snt chl Merich,

1ghe pta tat de lna

che l par canar;

adss invece i vsa:

Copl, saltga adss,

a lcanta sto danado

de canar de fss.

Ma m se ghi de fga?

l stacc a mangi i nus

che nsma tcc i dcc

a m scapt la us.

Per me resta smper

ol spret e 1 vigr

e nsma chla ia

de bf de sonadr.

(Eccovi il ritratto preciso / del Merica Giovannino / che ha divertito per trentanni / i suoi concittadini. / Un po col farli incavolare / un po col farli ridere / e sempre a scroccare / da bere e da mangiare. / Quando cantava dicevano: / Ma sentilo quel Merichino / ci d dentro cos di lena / che sembra un canarino; / adesso invece urlano: / Accoppatelo, saltategli addosso, / canta questo dannato / da canarino di fosso. / Ma io cosa ci posso fare? / stato a mangiare le noci / che insieme a tutti i denti / mi scappata la voce. / Per mi resta sempre / lo spirito e il vigore / e insieme quella voglia / di bere come un suonatore).