OL TREN

IL TRENINO

 

A s ch in galeria

sura San Pelegr

quate machine in ca,

mai che svde la f;

arde i mter de fuga, lum sl display

scap vi l sarss mi.

 

Stss a Olmo e s ai Brans

a pas dm i camina,

processi a S.Gion Binch:

gh l fest de la Spina,

co la banda e i campane a sun lalegrssa

snsa nombra de frssa.

 

Intt che mv prpe mia -sre i cc-

e me in mnt ol tren:

n banda al Brmb a lcura

nfna s a san Mart,

in carssa a sgoda tt ol bl de la l

l botp a pensl.

 

Gh l trenino che l fila, fila, f

che visi, l manca l fit:

s tra la e Brembila

n mss a bsch incantt,

a Sedrina st pucc, galeria sta i c:

Zgn l mia de lont.

 

E svd San Pelegr:

Casin, Grand Hotel,

salta z i siure in prima (class):

ombrel, guncc, capl;

San Gion, Lenna: ol treno sl put

lnt a l passa

basta sgn, a ms a Passa.

 

Ard mp i c de gma

che disster i facc:

ndustrie, trfech turismo

i sarss migliurcc,

gh restt di brandi de la ex ferovia

e ms in ca n galeria

Dss i nscc cocodrili i promt la tramvia

ma ms pi nd che m ra

 

 

Sono qui in galleria

sopra San Pellegrino

quante macchine in coda,

mai che si veda la fine;

guardo i metri di fuga, lomino sul display

scappar via sarebbe meglio.

 

Lo stesso a Olmo e a Branzi

camminano a passo duomo,

processione a San Giovanni Bianco:

c il festone della Spina,

con la banda e le campane a suonare lallegrezza

senza unombra di fretta.

 

Intanto che proprio non si va -chiudo gli occhi-

e mi viene in mente il trenino:

correva in fianco al Brembo

fino su a San Martino de Calvi [attuale Piazza Brembana],

in carrozza si godeva tutto il bello della valle

un piacere pensarlo.

 

C il trenino che fila, fila, fi

che visione, manca il fiato:

sono tra Villa e Brembilla

in mezzo a un bosco incantato,

a Sedrina sette ponti, galleria sotto le case:

Zogno non lontano.

 

Si vede San Pellegrino:

Casin, Grand Hotel,

scendono le signore in prima (classe):

ombrellino, guanti, cappello;

San Giovanni, Lenna, il treno sul ponte

lento passa

basta sogni, siamo a Piazza.

 

Guardate le teste di gomma

che disastro hanno fatto:

industrie, traffico, turismo

sarebbero migliorati,

sono rimasti i brandelli della ex ferrovia

e siamo in coda in galleria

Adesso i nostri coccodrilli promettono la tramvia

ma non sappiamo pi dove andiamo a parare