Tra de Brghem

versi di Bortolo  Belotti (1877-1944)

 

Tra de Brghem, co la t sit

tta cpole, tr e campani,

 che l' com 'n d' sgn, che l' par de edi,

 quando s'v per la strada de lont;

 co 'l Sre e 'l Brmb, ch'i te trarsa ol pi

 in ms al vrd di cap, com du fi,

 e strade de per tt, re e feni,

 e cse e paiscc de s e de l :

tra de Brghem, con chi t valade,

do sparla am a la gia per caps,

e, vste, no i pi dsmentegade;

co la t Presolana e l Corno Stla

che l par chi prte l cr in parads,

do l mai che spl tro tra pi bla?

 

Terra di Bergamo, con la tua citt / tutta cupole, torri e campanili, / che come in un sogno, che sembra di vederli, / quando si viene per la strada da lontano; / con il Serio e il Brembo, che ti attraversano il piano / in mezzo al verde dei campi, come due fili, / e strade dappertutto, aie e fienili, / e chiese e paesotti di qua e di l: terra di Bergamo, con quelle tue vallate, / dove si parla ancora all'antica per capirsi, / e, viste, non sono pi dimenticate, / con la tua Presolana e il Corno Stella / che sembra che portino il cuore in Paradiso, / dove mai si pu trovare terra pi bella?

 

 

 

 

TORNA ALL'INDICE

HOME PAGE