Strigssa bla

Bella vagabonda

 

E se i dis che te s bla

come ol cl de la padla

l perch a sti barlafs

ghe f rabia ol t bl ms.

Po m mder la me dis

che te signa f i barbs

e m pder a l ribt

che far la f del rat

ma per m de dr denante

gh niss che tat lincante.

 

A pd strigssa bla

te farss ol n n scarsla

per cut bl tch de gnca

pi asassina de la cica;

spte dma de incontrt

ma se sirche de parlt

me d f na malatia

che se ciama laritmia

e gh l cr che lisgalpa

ma con dna gamba spa.

 

Dopo sogne i t belsse

sta ol pis di m caresse

lisberlss ol bianch di dcc

i barbi i rss foghcc

egne, crde in di t bras

per desdm con tat de nas

sl pi bl no l resta in gir

che l rumur di m sspr.

 

Rste l compgn d s-ct

mch a l varda ma no l crd

che l gelato a l vule in strada

snsa ol gna na lecada

e l cr vi col temporl

e listnta a sofegl

per i scale a l vusa e lciama

p z a pins in s a la mama

anche m per ol mag

s n di stsse condissi

e l intel dm de lsen

perch snte chsto spsem.

 

M sigr che lcie mia

anche quando che l me pa

srte d che l trp frt

a me ngrerss la mrt

gh l remde e l sigr

sbat la crapa contra ol mr

m dos per la frsa:

quter mter de rincorsa.

 

Dopo sgne i t belsse

sta l pis di m carsse

me barbla tcc i dcc

quate crape! I i parcc

I cr z du fim del nas

solet de quater bras

cumudt in de barla

pnse a t strigssa bla.

 

 

E se dicono che sei bella

come il culo della padella

perch a questi superficialoni

fa rabbia il tuo bel muso.

Anche mia madre mi dice

che ti spuntano i baffi

e mio padre ribatte

che far la fine del topo

ma per me dietro e davanti

non c nessuno che tanto incanti.

 

A potere bella vagabonda

ti farei il nido in tasca

per coccolarti bel pezzo di gnocca

pi assassina della sbronza;

aspetto solo di incontrarti

ma se cerco di parlarti

mi d fuori una malattia

che si chiama laritmia

e ho il cuore che galoppa

ma con una gamba zoppa.

 

 

Dopo sogno le tue bellezze

sotto il peso delle mie carezze

brilla il bianco dei denti

le labbra sono rosso fuoco

vengo, casco nelle tue braccia

per svegliarmi con tanto di naso

sul pi bello non resta in giro

che il rumore dei miei sospiri.

 

Rimango l come un ragazzo

mogio guarda ma non crede

che il gelato voli in strada

senza volere neppure una leccata

e corre via col temporale

e fatica a soffocarlo

per le scale grida e chiama

poi gi a piangere in seno alla mamma

anchio per il magone

sono nelle stesse condizioni

ed inutile darmi dellasino

perch sento questo spasimo.

 

Io sicuro che non piango

anche quando mi morde

certi giorni che troppo forte

mi augurerei la morte

ho un rimedio ed sicuro

battere la testa contro il muro

bisogna dosare per la forza:

quattro metri di rincorsa.

 

Dopo sogno le tue bellezze

sotto il peso delle mie carezze

mi tremano tutti i denti

quante teste! Sono i parenti

Scendono due fiumi dal naso

sollevato da quattro braccia

sistemato in barella

penso a te bella vagabonda.