SIRA IN CONTRADA

(titolo originale na sira, crsse)

Sera in contrada

(Una sera, un cruccio)

 

 

La nna d'i s-cte,

tacada al cam,

la 'nggia i solte

de tcc i cals.

E i s-cte i desna

bindi per ol c,

p i nina la pa

compgn d' pop,

L' tarde. In contrada

gh' quase niss.

Chl m de fassada

l'isbgla d'per l.

Fint la s storia

de gure e can,

l'intuna per gloria

tochi de cans.

E l'par che i respnde

de lns al cantr,

quach mre o quach bionde

foghte d'amr.

M b che i scomare

p a' i dne l aprf

e, dopo 'l rosare,

quach sibre i se mv.

Oe nna, s franca,

'nd i' lcc che l'conv!

Se ergta l've manca

disl... A m's ch!

S 'n vta! E i se sgna

col sgn de la crs,

p dopo i smalgna

cip, cip, sota-s.

 

Gh' ccc la minestra.

L' l'ura d'smici,

de f d'la finestra,

se l'turna 'l pap.

Com'la p stacia,

per cosa, perch ...

La mama l' 'ndacia.

Chiss 'ndo' che l'.

I brase i sfala,

lv rss o' stignt

e i crsse i se 'mpa,

Pap! ... L' rit.

Z 'n fnd a la strcia,

'n tra plver e fich,

denante a la ncia

gh' 'l lm de San Rch.

La crss la fiamla,

l'v crt o' stp,

ol cir l'isbarbla

L' 'ndcc a' 'l lm.

I fr 'ntt i canta

sercc in convnt.

De f l'bala n'anta

sbatida dal vnt.

E i scte, co' l'a

robada al disn,

i 'mbca la pa

compgn d' cristi.

 

 

La nonna delle bambine

attaccata al camino

sferruzza le solette

d'ogni calzino.

Le bambine rinnovano

nastri per il capo

e cullano la bambola

come un beb.

tardi. In contrada

non c quasi nessuno.

Luomo che ci sta di fronte

litiga da solo.

Finita la sua storia

di guerre e cannoni,

intona per gloria

pezzetti di canzoni.

E sembra che rispondano

da lontano al cantore,

qualche mora o qualche bionda

che brucia damore.

Bisogna che spettegolino

anche le donne l vicino

e, dopo il rosario,

qualche ciabatta si muove.

Oh nonna, su in gamba,

andate a letto che conviene!

Se vi manca qualcosa

ditelo...Siamo qui!

Su con la vita! E si fanno

il segno della croce,

poi dopo malignano

cip, cip, sotto voce.

 

cotta la minestra.

ora di sbirciare

fuori dalla finestra

se torna pap.

Chiss com andata poi,

per cosa, perch...

La mamma se n andata.

Chiss dov.

 

Le braci sfavillano.

diventa rosso il paiolo

i crucci si accendono

Pap!... arrivato.

In fondo alla strettoia

tra polvere e fiocchi,

davanti alla nicchia

c il lume di San Rocco.

Cresce la fiammella,

si accorcia lo stoppino,

il lume sfarfalla

si consumato anche il lumino.

I frati intanto cantano

chiusi in convento.

Fuori balla unanta

sbattuta dal vento.

E le ragazze con luva

rubata al desinare

imboccano la bambola

come un cristiano.