San Mart

(da un sonetto di G. Bonandrini, 1867- 1940;

musica di L. Ravasio)

 

SAN MARTINO

 

 

Fra chsce mucc, e 'n d' na c mia m,

gnt vcc, e coi cai quarcicc de brina,

varde a gn gi la nv, e pense ai d

quando a c nsta, sentcc gi 'n csina,

 

nter fradi a m'sa scolda i p

dencc al camin, e gi 'n cantina

a m'gh'a l v nv, ed ogni quando m

a 'nde de bass a f gir la spina

 

E 'n de bronzai bua i polastri

e incc al fch pirla belase ol spit

co e s bachte pine d' salvia e osi

 

N m'gh'a ter pensr f per ol c

che de dierts, mangi e scds la sit

Dei d x bi pdri godn am?

 

 

 

 

 

Tra questi monti[di Piazzatorre], e in una casa non mia,

diventato vecchio, e con i capelli coperti di brina,

guardo scendere la neve, e penso ai giorni

quando a casa nostra, seduti in cucina,

 

noialtri fratelli ci scaldavamo i piedi

davanti al caminone, e gi in cantina

avevamo il vino nuovo, e di tanto in tanto io

andavo da basso a girare la spina

 

E nelle pentole di bronzo bollivano i pollastri

e davanti al fuoco ruotava adagio lo spiedo

con le sue bacchette piene di salvia e uccelli

 

N avevamo altri pensieri per la testa

che di divertirci, abbuffarci e soddisfare la sete

di giornate come queste potr goderne ancora?.