Pursel (L. Ravasio)

Porcellino

 

contad l indcc d al merct

e l portt a c bl porseli

e dopo che in de stala ll logit

a ltaca a fal mai come sun.

Con chla dieta ol c

a l v grss prpe de lena

adss poer l camina a malapena;

pi lcrss de pis, de stassa

e pi lsnt a crss l amr

per lm che lpensa ol s benefatr.

(Rit.) Come l b, ol m padr

per m lisgba, a l se f in du

a s mai vst tata bont

a l me rispta pi di crist.

A lme lme trata come Papa

lnta l ndo la me scapa

s grass, cici, porsl:

ma lme dis che dinte tcc i d pi bl!.

Col tp ol nst ciun lse f orguglis:

a lcrd chi s parcc padr e padruna,

in c quando che i vusa e i rabis,

i vula i complimncc: Purc! Purcuna! .

A tola la ghe dis:

Ingses mia come ol porsl!

v z n de stala nsma t fradl!

e l lribt La parla, la fila de la ria,

gh l nst ciun che lpians ma per la gioia

l trot la fama poer.

Come l b, ol me padr

quat tribl, quate atensi;

d e ncc in stala gh impss ol cir

soi mr gh i quder, la par ol bar.

Dne bite sl taqu

n banda al papa: l nst Gioan;

ma in del quadret pi bl gh s m

e s aprf a santAntne del porsl.

Ma d l padr lla carga s s lApe

e l nst porsl a lpensa con rispt:

Sicome f fadiga a mv i ciape

lme prta in motocar a f ol girt.

La corsa la fenss al capan con scricc: macl,

naturalmente l i gh facc la pl;

ol s padr pi tarde a taola coi ams

a l canta e intt a l lca z i barbs.

Come l b ol m sun

dientt salm e codegh,

s mai vst tata bont

l na frtna a nass cristi

Ol ciun l mrt poer,

tt contt sensa cap,

de che pasta ol mnd l fcc

(parlato) Veramente lavevano avvertito, perch una volta ha chiesto allasino: N che manra t l padr, lte f sgob, a l te pica col bast / e lte d pch de mai?

M f negt tt ol d e l me trata smper b!. Ma lsen l replict: [cantato] T per, t s mia chl de lan passt

(parlato) M invece s am chl sen e dga sclt a n sen: niss lf negt per ol per negt, gna l c l mena la cua a gratis, figret ol padr.

 

 

Un contadino andato un giorno al mercato

ed ha portato a casa un bel porcellino

e dopo che in stalla lo ha alloggiato

attacca a farlo mangiare come un suino.

Con quella dieta il maiale

vien grosso proprio di lena

adesso poverino cammina a malapena;

pi cresce di peso, di stazza

e pi sente crescere lamore

per luomo che pensa sia il suo benefattore.

Come buono il mio padrone

per me sgobba e si fa in due

non si mai vista tanta bont

mi rispetta pi dei cristiani.

Mi tratta come un Papa

pulisce lui dove mi scappa

sono un grassone, un ciccione, un porcello:

ma mi dice che divento ogni giorno pi bello!.

Col tempo il nostro maialino si fa orgoglioso:

crede che siano suoi parenti padrone e padrona.

In casa quando gridano e sono arrabbiati,

volano i complimenti: Porcone! Porcona!.

A tavola gli dice: Non ingozzarti come il porcello, vai gi in stalla assieme a tuo fratello!

e lui ribatte: Parla la figlia della scrofa,

c il nostro maialino che piange per la gioia

-ha trovato la famiglia poverino.

Come buono il mio padrone

quanto tribolare, quante attenzioni;

giorno e notte in stalla c la luce accesa

sui muri ci sono i quadri, sembra il bar.

Donne nude sul taccuino

in parte al Papa: il nostro Giovannino;

ma nel quadretto pi bello ci sono io

e sono vicino a S. Antonio del porcello.

Ma un giorno il padrone lo carica sullApe

e il nostro maiale pensa con rispetto:

Siccome fatico a muovere le chiappe

mi porta in motocarro a fare il giretto.

La corsa finisce al capannone con scritto: macello, naturalmente l gli hanno fatto la pelle;

il suo padrone pi tardi a tavola con gli amici

canta e intanto si lecca i baffi.

Come buono il mio maiale

diventato salami e cotechini,

non si mai vista tanta bont

una fortuna nascere cristiani

Il maialino morto poverino,

contentissimo senza capire

di che pasta il mondo fatto

(parlato) Veramente lavevano avvertito, perch una volta ha chiesto allasino: Come mai il padrone ti fa sgobbare, ti picchia col bastone / e ti d poco da mangiare?

Io non faccio niente tutto il giorno e mi tratta sempre bene!. Ma lasino gli ha replicato: [cantato] Tu per, non sei quello dellanno scorso

(parlato) Io invece sono ancora quellasino e da ascolto a un asino: nessuno fa niente per niente, neppure il cane scodinzola gratis, figurati il padrone .