SERENADA A LA MARG

(Pietro Ruggeri da Stabello, 1836 - musica di Aldo Sala, 1950)

 

 

O Marg salta f del balc,

Che d'amr chil crpe per t;

No pss pi maj p de melg,

La polenta la 'm par tch de f.

 

I t cc i du cc de sietta,

Du lampi, d lanterne del sil;

Se i osi o i farfale i saetta,

I servcc, no i ga lassa pi pl.

 

Ol t nas l' grop che consula,

La t boca boch de corl

Dove i grazie, i bas i ga ridla,

E i fa l'm devent siforal.

 

Che brasscc, che spalte, che ta,

De cop 'l fachin pi robst!

Oh! che timpane, che calamta!

Oh! che pm in del zrel del bst!

 

Ma quat bela de f te se tta,

Te se brta, crdela de dt,

Come pm che l f scheffe e l ribta

Sta rsca che ingana la zt.

 

Coi gog t'ho comprt ista fra,

sich fercc, na roca e tr fs,

E t smper te m f brsca cra,

A te 'm vrdet con tanto de ms.

 

 

 

 

O Marg (Marietta) vieni alla finestra

che qui muoio damore per te;

non posso pi mangiare pane di granturco

la polenta mi sembra pezzi di fieno.

 

I tuoi occhi sono due occhi di civetta,

due lampioni, due lanterne del cielo;

se saettano uccelli o farfalle,

sono serviti, non lasciano loro pi pelo.

 

Il tuo naso un nodino che consola,

la tua bocca una boccuccia di corallo

dove le grazie, i bacini rotolano

e fanno diventare luomo uno stupido.

 

Che bracciotti, che spallotte, che vita,

da accoppare il facchinone pi robusto!

oh, che timpani, che calamita!

oh, che mele nella gerla del busto!

 

Ma quanto sei tutta bella fuori,

sei brutta e crudele dentro,

come mela che fa schifo e ributta

sotto una buccia che inganna la gente.

 

 

Con gli spilli ti ho comprato questa meraviglia,

cinque ferretti, una rocca e tre fusi,

ma tu mi fai sempre cera brusca,

e mi guardi con tanto di muso.