Gh' quach cans balsse

che i m'lassa miga st.

Gh'o pi vint'agn, bambsse.

So b gna de cant! .

Ma quando a la matina

me dsde e salte f,

lure i f dt giungina

ghe dighe mai de n.

Che tat e tat, se brge,

f dt negt de b

chla che gh' 'n di orge

l chla ... tt ol d.

Cans: tochi de ta,

tochi de carnel

che i turna 'ndr e i se quita.

Sntet? L' verticl

che l'passa z 'n contrada

a lura del disn.

Finit la s sunada:

quter palanche e lv.

L' prpe iss la storia.

Desst, desdt, vint'agn:

fm e cans e baldoria.

L' prpe tt compgn.

Ma quando a la matina

me dsde e salte 'n p,

i me t 'l fit infina!

Lure i tte l.

Cos'i de f, cople?

Cop i cans... desmt!

Bisogna contentle,

lassga f girt.

E chsta la m'regrda

ol prim basi d'amr

e chsta co la brda

cos'lal l dulr.

Chsta che branche e mle,

la me n' fai del mal!

Gh'o lit cambi i parole.

Ma gh' re mia de fl.

 

 

Ci sono delle canzoni briccone che non mi lasciano stare.

Non ho pi vent'anni, sciocchine, non so neanche cantare!

Ma quando la mattina mi sveglio e mi alzo, loro fanno baldoria

non gli dico mai di no.

Che tutto sommato, anche se mi lamento,

non concludo niente di buono.

Quella che ho nelle orecchie,

quella ... tutto il santo giorno.

Canzoni: frammenti di vita pezzetti di carnevale

che tornano indietro e si quietano. Senti? un verticale

che passa gi in contrada all'ora di pranzo.

Finita la sua suonata: quattro soldi e se ne va.

proprio cos la storia. Diciassette, diciotto, vent'anni: fumo, canzoni e baldoria.

proprio tutto uguale.

Ma quando la mattina

mi sveglio e salto in piedi, mi tolgono persino il respiro! Loro sono tutte li!

Cosa dovrei fare, ammazzarle? Uccidere le canzoni... smettila! Bisogna accontentarle,

lasciare che facciano un giretto.

E questa mi ricorda il primo bacio d'amore

e questa con la maschera cos'? un dolore

Questa che afferro e mollo, me ne ha fatto di male!

Ho voluto cambiarle le parole. Ma non avrei dovuto farlo.