Terunsla

(sullaria di Lazzarella)

Terroncella

 

A fe i elementr

mla nvsnt sinquantast

la funsiuna a la granda la caserma de Presss

i militr in frsa i era tcc de nz de l

ol marescil a lghra na scetla dla m et

Terunsla

Ah Terunsla, bl ciap

a te s stacia l prim amr

algra come passer

e delicada come fir.

E coi pen sl banch de lgn

a scla ho ricamt u cr

l maestro l m laght ol sgn

a l era n m coi m che spir.

Oh Terunsla, profm de primara

per chi cc nigher come mure

gh am l cr che lme bat i ure

per momnt i turna chi tp l

Ma Terunsla sre s-ct

che lghra erggna p a parlt

e pde dtel dma adss

quat che s stacc inemurt.

Lfina gli anni Cinquanta

in del juke box sente cant

Che bambola, Volare e Pasqualino maraj

chi de Presss alura i fa z i pre

de integrassi

per via de la caserma

ndoe l m cr lera in pres

Terunsla

Ah Terunsla che bi sgn

a sf zam p a chla et

egne vestt de DArtagnan

sura l cal bianch a portt vi.

Te rimire p a messa granda

me se gire per t a dutrina

la suora lera l de banda

pronta a dm na papina

Ah terunsla, ol tp a l v che lgula

dss che m s squase deentt nni

a m ghe pensa ai scal ai scaloni

ma per fortna ol mnd a l v am incc.

Gh n giro pi de terunsle

chi am pi ble d bl fir

e che n di cr i mpa fiamle

i canta linno de lamr.

 

 

Facevo le elementari

mille novecento cinquantasette

funzionava alla grande la caserma di Presezzo

i militari in forza erano tutti di laggi

il maresciallo aveva una ragazzetta della mia et

Terroncella

Ah Terroncella, bel bocconcino

sei stata il primo amore

allegra come un passerotto

e delicata come un fiore.

Con i pennini sul banco di legno

A scuola ho ricamato un cuore

il maestro mi ha lasciato il segno

era un uomo con le mani che prudono.

Oh Terroncella, profumo di primavera

per quegli occhi neri come more

ho ancora il cuore che mi batte le ore

per un momento ritornano quei momenti

Ma Terroncella ero un ragazzo

che aveva vergogna anche a parlarti

e posso dirtelo solo adesso

quanto sono stato innamorato.

Finivano gli anni Cinquanta

nel juke box sentivo cantare

Che bambola, Volare, Pasqualino maraj

quelli di Presezzo allora facevano gi le prove

di integrazione

per via della caserma

dove il moi cuore era in prigione

Terroncella

Ah Terroncella che bei sogni

si fanno gi a quella et

venivo vestito da Dartagnan

sopra il cavallo bianco a portarti via.

Ti rimiravo anche a messa grande

mi giravo per te a dottrina

la suora era l in parte

pronta a darmi una sberla.

Ah terroncella, il tempo vola

adesso che siamo quasi diventati nonni

pensiamo agli scalini e agli scaloni

ma per fortuna il mondo va ancora avanti.

C in giro pieno di terroncello

che sono ancora pi belle di un bel fiore

e che nei cuori accendono fiammelle

cantano linno dellamore.