TE VOGLIO BENE ASSAJE

( b de lanima)

 

Perch quando te nvide

te f compgn di gate?

Te sffiet p te sgrfet

Marg dm ol perch?

L na passi trp granda

la me tormnta ormai:

 

M te le b de lanima

ma te me pnset mai,

io te voglio bene assaje

e tu non pienze a me.

 

De ncc me snte in trpola

se sirche de durm

m prpe rquie mia

te pnse a t Marg.

St in giro coi sgrignpole

e ntt cnte i fani:

 

M te le b de lanima

ma te me pnset mai,

io te voglio bene assaje

e tu non pienze a me.

 

Quando gh f la lna

e snte ol cr mlz

a ntune i serenade

che scricc per t Marg;

cans mes-ciade a lacrime

ghe i s p a l vnt ormai:

 

M te le b de lanima

ma te me pnset mai

Io te voglio bene assaje

e tu non pienze a me.

 

Io taggio amato tanto

si tamo tu lo saie.

Io te voglio bene assaje

e tu non pienze a me,

m te le b de lanima

ma te me pnset mai.

Perch quando ti invito  

fai come le gatte?

 Soffi poi graffi 

Marg dimmi il perch?

'E una passione troppo grande

mi tormenta ormai:

 

Io ti voglio un bene dell'anima

ma non mi pensi mai

      io te voglio bene assaje

e tu non pienze a me.

 

Di notte mi sento in trappola

se cerco di dormire

io proprio non ho requie

penso a te Marg.

Resto in giro con i pipistrelli

e intanto conto i fanali:

 

Io ti voglio un bene dell'anima

ma non mi pensi mai

      io te voglio bene assaje

e tu non pienze a me.

 

Quando splende la luna

e mi sento il cuore tenero

intono le serenate

che ho scritto per te Marg;

canzoni frammiste a lacrime

le sa anche il vento ormai:

 

Io ti voglio un bene dell'anima

ma non mi pensi mai

      io te voglio bene assaje

e tu non pienze a me.