LA SRBA

(Parole di C. Francia, 1965 - Musica di L. Ravasio, 1976)

 

Chiss perch i rbe, pensr, confidnse,

quach vlte i me 'mbria e l's pi cos d?

Se i fss difernte de chle che pnse?

Presmpe: la srba de San Bernard...

 

La srba... cos'la? Scapada de bca,

ormai la parola l' dr a sgul 'n s.

La zt la me sclta, coriusa o 'mp lca:

Cos'la sta srba... che adss la gh' pi?

 

Cos'la... F sito. La zt che l' 'ntrga

la crd che streparle. S pi cos d.

L' dt in di rbe che p s'dsmentga,

la srba che dighe de San Bernardi!

 

T a mt che me 'nsgne! ma n, la gh' stacia:

pientada z 'n tera a lil del sentr:

La srba denante, de quando i l' facia,

de dr, frse dopo, gh' egnt n ostr.

 

Sarss fina b de t fra 'n contrada

la prda precisa e segnala col gss.

S a' me: la gh' pi 'ndo che l'ra pogiada,

ma schisse z i cc e la turna l 'n ms.

 

La srba de l'aqua... na spina 'mp gia,

del tp d'i ns nni o, chiss, del setsnt.

Tecada a la strada con sta na sgia,

la gh' la pretsa de f monmnt.

 

E 'nvce no l' che rcm: Statuna

compagna de chle che m'tgn iscondt,

per fa l nst presepio a Nedl de matina,

coi pgre cuciade e l pastr che l'gh' sit.

 

Ma l frsch che la cassa., i pensr che la quita...

ma i sbrfoi de l'aqua che al sul i sberls!

Per chsto l' bla, sgurada... o rsnta

intren ai vide che 'n giro i la cs!

 

S am come s-ct coi botiglie 'n de brsa,

che i cica 'n tra lure, a t l'aqua de bass.

"Prepara i cartine che m f na crsa,

dsa che la srba m'gh'l' fra a du pass".

 

E 'nd tte i sire d'estt, quando s'brsa

de cold e de sit e l'rembta p a' l v.

De sura i bicr i z prncc perch m'vsa

smors fch e fiame co l'aqua d'Viss.

 

E 'ntat, z 'n contrada, i se ciama e i se spta:

s-cet co la bssa... fomn col sidl..

Quach cich de passagio i bestmia e i conchta:

"Vigliaca la srba!"... Nems per la pl.

 

L'ostr, com' dicc, l' de dr. Debolsse!

Ghe l ter che srba... i se frma niss.

Per se s mia se a l'ostr la ghe 'nfsse

o pr la ghe faghe servsse ach a l.

 

Adss la gh' pi. Gh' l convnt de fassada,

la prda precisa ma snsa ricm.

S'pl vss gna sigr in do i l'bie portada,

ma certo l' 'ndacia a fin 'n di rotm.

 

Chiss perch i rbe, scapade de bca,

quach vlte i me 'mbria e l's pi cos d?

La zt la me sclta, corusa o 'mp lca:

"Cos'la sta srba de San Bernard?!".

 

Chiss perch le cose, pensieri, confidenze

a volte mi imbrogliano e non so cosa dire?

Se fossero diverse da quelle che penso?

Per esempio: la "srba" di S. Benardino...

La "srba"... cos' poi? Scappata di bocca,

ormai la parola sta volando in su.

La gente mi ascolta curiosa e un po'sorpresa:

cos' questa "srba"... che adesso non c' pi?

Cos'... sto zitto. La gente che non smaliziata

crede straparli. Non so pi cosa dire.

dentro le robe che poi si dimenticano,

la "srba" che dico di S. Bernardino!

Vuoi vedere che sto sognando! Ma no, esistita:

piantata gi per terra a livello del sentiero:

la "srba" davanti, da quando l'hanno costruita,

dietro poi venuto un oste.

Sarei capace di scegliere in contrada

la pietra esatta e segnarla col gesso.

Lo so anch'io: non c' pi dov'era appoggiata,

ma chiudo gli occhi e torna l in mezzo.

La "srba" dell'acqua. Una canna un po'vecchia

del tempo dei nostri nonni, o chiss, del Settecento.

Attaccata alla strada con sotto un secchio,

ha la pretesa di passare per monumento.

Invece non che un ricamo: statuina

simile a quelle che teniamo nascoste,

per fare il nostro presepio la mattina di Natale

con le pecore accucciate e il pastore che ha sete.

Ma il fresco che manda... i pensieri che acquieta...

ma gli spruzzi dell'acqua che luccicano al sole

Per questo motivo bella, lucidata... o arrugginita

attorno alle viti che la cuciscono dappertutto!

Sono ancora com'ero da ragazzo

con le bottiglie in borsa,

che cozzano l'una contro l'altra, a prendere l'acqua da basso,

"Prepara le bustine che io faccio una corsa,

dato che la 'srba' l'abbiamo qui fuori a due passi".

E vado tutte le sere d'estate, quando si brucia

di caldo e di sete e non ti va neanche il vino.

Di sopra i bicchieri sono gi pronti perch

abbiamo l'abitudine di spegnere fuoco e fiamme con l'acqua di"Vichy".

E intanto, gi in contrada, si chiamano e si aspettano:

i bambini con la boccia... donnine col secchiello.

Qualche ubriaco di passaggio bestemmia e balbetta:

"Vigliacca la srba!"... Nemico per la pelle.

L'oste, come ho detto, dietro. Debolezze!

Ci vuol altro che "srba"... non si ferma nessuno.

Per non si sa se all'oste dia fastidio

oppure faccia servizio anche a lui.

Adesso non c' pi. C' il convento di fronte

la pietra esatta ma senza ricami.

Non si pu essere sicuri neppure su dove l'hanno portata,

ma certo andata a finire nei rottami.

Chiss perch le cose, scappate di bocca,

a volte m'imbrogliano e non so pi cosa dire?

La gente mi ascolta, curiosa e meravigliata:

"Cos' sta benedetta srba di S. Bernardino?!".