Sira

Sera

 

Ol sul a l' se prepara a tramont

e l' cil a l' na festa de culr

si machine che i turna del laor

i s'dgia l'oriznt i guidadur

 

La lna l' am smrta in del ser

la stdia ol mnd co la s facia piena

de smper l la passa f de ch

e tcc i ghe confida na quach pena

 

d compagn de inc la m' grignt

a gh're intgn se ccc, inemurt...

 

Ol cil l' smper chl l' am compgn

de quando l'a foght per m e per l

I stle i v a la d coi s ricam

la crss la tentassi de oltss indr.

 

Amr esagert: l' dls e l'pa

de quate bghe, lacrime e carsse

e gste fna in fnt la nostalgia

de la stagi di sgn di tenersse.

 

Ol cr a l' v mai vcc...l prpe ira,

ma l'tp a l' cr e sbet a l' sira...

 

Il sole si prepara a tramontare

e il cielo una festa di colori

sulle macchine che tornano dal lavoro

adocchiano l'orizzonte i guidatori.

 

La luna ancora pallida nel sereno

studia il mondo con la sua faccia piena

da sempre lei passa di qui

e tutti le confidiamo qualche pena:

un giorno come oggi mi ha sorriso

avevo vent'anni ed ero cotto, innamorato.

 

Il cielo sempre quello ancora identico

a quando era in fiamme per me e per lei

le stelle sopraggiungono con i loro ricami

cresce la tentazione di voltarsi indietro.

 

Amore esagerato, punge e morde

quante beghe, lacrime e carezze

e gusto fino in fondo la nostalgia

della stagione dei sogni e delle tenerezze.

Il cuore non invecchia mai, proprio vero!

ma il tempo corre ed subito sera...