PIRO DE STABLL

Piero di Stabello

 

Ruggeri Pietro, Piro de Stabll,

poeta de valr, ma bortol:

te parle come a pder,a fradl

perch l' stss del t p a 'l m dest...

I scrcc che a f i poeti a s'va 'n malra

zam del tp che se parla in lat:

adss co i assessori a la cltra

a m'gh'avrss pi de f la stessa f...

Per a chi l ghe prme che i a vta

i f la rda, i strmpia per fs vt

figret se i prd tp per dialt

che d per d a l' delgua gta a gta.

Epr gh' in giro am in de Bergamasca

quch che per amr e vocassi

sta la snder i t 'mpss la brasca

de 'sta parlada coi s tradissi...

Perch? gh' mia perch, perch de s!

l cr a l' gh' res a la s manra:

de spss a l'snt l'invs de oltss indr,

l'isbaglia, ma la scelta l' sincera.

E forse l' per chl che f ol bambss:

cante 'n di piasse, scre, me d de f,

compgn che t' facc t per i Camss

e per i nbei chi te da ol disn.

O Piro de Stabll, vero poeta,

te l finida mal per la ta...

te sret regondt come barb

in giro a vnt i quder si cant.

A gh'ra pi niss che te da a tr:

i siur Camss la Patria i gh'ra in mnt...

(la ta i a ris-cit per l'Unit

sensa i ciocde che i fa sto momnt).

T, la t patria l'ra s a Stabll,

nm, tat per f rima 'n di poesie:

la patria l'a tss f d'gne bordll

e scrf e tramand i t fantasie.

Ma a comand i stce i baionte...

prim di panse i ha 'nfilst s i pensr

de chi che prefera t in m i forchte

invece de cop di forestr.

I forchte che i se ciama pir

quando te declamet i t poemi

e i Marg i salta f del balc...

adss a l' salta f nma i problemi.

Ol prm a l'resta chl de fs cap

(me tca smper mt la tradssi):

i ha scancelt la lngua del Giop...

chi brcc giup de la televisi...

P a t 'n d' trcc i t'ha btt ivi :

quando l' rida Chla de la ranza

sul n ams a l' te tegna la m,

i Camss i ra in villa z a la Ranga

pi de mag e de mpia per l'Italia

che 'n c d'n an l'avrss dervt i ale

f de la gabia 'nd che l'ra a balia:

t te mret per l'asma catarrale...

Niss di caporioni al fnerl.

Dopo per gh' stcc di pentimncc:

l' dopo mrt che i pensa a chi che l,

adss gh' 'n giro 'nfna i monmncc...

Ruggeri Pietro, Piro de Stabll,

du scoi i passcc e offndes mia

se a Brghem ol tran tran a l' am chl:

ma gh' i eredi de la t poesia.

 

 

Ruggeri Pietro, Piro di Stabello,

poeta di valore, ma bortolino:

ti parlo come ad un padre, ad un fratello

perch simile al tuo anche il mio destino.

Hanno scritto che a fare i poeti si va in malora

fin dal tempo in cui si parlava in latino:

adesso con gli assessori alla Cultura

non dovremmo pi fare la stessa fine.

Ma a quelli sta a cuore solo di essere votati

fanno la ruota, si agitano per farsi notare

figurati se hanno tempo da perdere per un dialetto

che, giorno dopo giorno, si scioglie goccia a goccia.

Eppure c' ancora qualcuno in quel di Bergamo

vuoi per amore o per vocazione

che tiene accesa, sotto la cenere, la brace

di questa parlata con le sue tradizioni.

Perch? non c' un perch, perch di s!

Il cuore ha ragione a modo suo:

spesso sente l'impulso di guardare indietro

sbaglia, ma la scelta sincera.

E forse per questo che faccio l'istrione:

canto nelle piazze, scrivo, mi do da fare,

come hai fatto tu per i Camozzi

e per i nobili che ti davano il pranzo.

O Piero di Stabello, vero poeta,

hai finito male la tua esistenza...

eri ridotto come un barbone

in giro a vendere quadri agli angoli delle strade.

Nessuno pi ti dava retta:

quei gran dei signori Camozzi avevano in mente la Patria

(hanno rischiato la vita per l'unit d'Italia

senza la retorica dei nostri giorni).

Tu, la tua patria, era su a Stabello,

un nome che andava giusto bene per far rima nelle tue poesie:

la patria era stare alla larga dai casini,

e scrivere e tramandare le tue fantasie.

Ma a comandare sono state le baionette:

prima delle pance hanno infilzato i pensieri

di quelli che preferivano impugnare le forchette

invece di ammazzare forestieri.

Le forchette che si chiamavano pir

quando declamavi i tuoi poemi

e le Marg si affacciavano al balcone...

adesso saltano fuori solo i problemi.

Il primo rimane quello di farsi capire

(devo sempre mettere la traduzione):

hanno cancellato la lingua di Gioppino

quei buffoni della televisione.

Tutto a un tratto hanno buttato via anche te:

quando arrivata la Signora della falce

solo un amico ti teneva la mano,

i Camozzi erano in villa a Ranica

pieni di tristezza e di apprensione per l'Italia

che in capo ad un anno avrebbe aperto le ali

fuori dalla gabbia dov'era a balia:

tu morivi di asma catarrale.

Nessuno dei capoccia al funerale.

Dopo, per, si sono pentiti:

dopo la loro morte che si ricordano di quelli che valgono,

adesso ci sono in giro persino i monumenti.

Ruggeri Pietro, Piero di Stabello,

due secoli sono passati e non offenderti

se a Bergamo il tran tran sempre lo stesso:

ma ci sono gli eredi della tua poesia.