PIASSA GIA

Piazza Vecchia

 

 

Quando l'aria l' 'mp frgia

prima am che l'vgne d,

s'vd i rbe iss pi b.

'Ntt ol sul a l'se pargia

a 'ndor la Piassa gia.

Gh' merlt che l'se repula

prpe 'n sima al Campan,

p l'intuna na cans.

Gh' p a' m pensr che sgula,

se ghe fss al pst per du.

S 'n del cl, che l' matina,

sgula, sgula e dim perch

Brghem vlta, se la gh',

l' iss algra e cicerina

come 'l cr d'na s-cetina!

Ricamada de belsse,

stimagta, acassib

che i memorie s de l,

no i ses miga de carsse,

ma de gure e tirap.

Se i pdss parl a belase

mr e prde sota-us

e m sito l desps,

pch a pch col cr in brase,

scolt tt fin che l'me piase!

Gh' gna n'anima 'n di strade.

dr al Palss de la Res,

pderss prpe delb,

sura i prde ormai sberlade,

snt ol pass del Cole.

 

 

La fontana de la Piassa,

ol regl del Contari,

la pl miga scontradi.

B per chl la s'valsa e sbassa

e la sbrfa 'l prim che passa!

 

Gte d'aqua i par cori

de 'nfil fin che te t,

colanine despertt.

Sbrofol che tass z mai,

ma i l'la cnta 'mp a s md.

 

Ura 'l sul a l'se inamura

e l'ismicia z de bass,

ma l's mia 'nd che pogis.

Tt ol cl a l'se colura.

L' a' dominica fossura!

 

L, de l, gh' d colne

s la schna di le

dr ai colne gh' 'l port

dt in csa gh' z i dne

che i comnsa i orassi.

 

P la zt, che de storile

la s miga cosa fn,

 

coi campane din, dn, dan,

la v z per i stradle.

Gh' mia d che no i sbordle!

 

co, adss gh' pi gna i storie

che i te faghe streparl

Gh' z 'l sul s la sit.

I 'ncomnsa i nste brie.

Gh' mia tp per i memorie.

Gh' pi tp gna de pens!

Gh' z 'l sul s la sit.

 

 

Quando l'aria un po' fredda,

prima ancora che venga giorno,

si vedono le cose molto meglio.

Intanto il sole si prepara

a indorare Piazza Vecchia.

C' un merlotto che si rif le penne

proprio in cima al Campanone,

e poi intona una canzone.

Ce l'ho anch'io un pensiero che vola,

se ci fosse un posto per due.

Su nel cielo, che mattina,

vola, vola e dimmi perch

Bergamo Alta, se c',

cos' allegra e chiacchierina

come il cuore di una bambina!

Ricamata di bellezze,

vanitosa, sebbene le sue memorie

non siano carezze, ma guerre e tirapiedi.

Se potessero parlare piano

muri e pietre sottovoce

e io zitto l dietro,

poco a poco con il cuore di brace,

ascoltare tutto finch mi aggrada!

Non c' anima viva nelle strade.

Dietro al Palazzo della Ragione,

potrei davvero,

sopra le pietre ormai rotte,

sentire il passo del Colleoni.

La fontana della Piazza,

il regalo del Contarini,

non pu contraddire.

Proprio per questo si alza e si abbassa

e spruzza il primo passante!

Gocce d'acqua. Sembrano coralli

per infilare finch vuoi,

collanine dappertutto.

Spruzzi che non tacciono mai,

ma se la raccontano un po' a modo loro.

 

Ora il sole si innamora

e spia gi da basso,

ma non sa dove appoggiarsi.

Tutto il cielo si colora.

domenica per di pi!

L, dall'altra parte, ci sono due colonne

sulla schiena dei leoni.

Dietro alle colonne c' il portone.

Dentro, in chiesa ci .sono gi le donne

che iniziano le orazioni.

 

Poi la gente, che non sa che farsene delle favole,

al din don dan delle campane,

scende gi per le strade.

Non c' giorno che non facciano bordello!

Ecco, adesso non ci sono pi neanche le storie

a farti straparlare.

C' gi il sole sulla citt.

Cominciano le nostre vanit.

Non c' tempo per le memorie.

Non c' neanche pi tempo per pensare.

C' gi il sole sulla citt.