SAMBA DE PRESESS

SAMBA DI PRESEZZO

 

E dr a ste a cansunte
quat tp btt ivi,
ma gh' passi e ghe mte
sach de buna volont;
la zt per la pnsa
che i val pch o negt,
per fla st pi atnta
dovrei cantare...bit.

E l's che sta parlada
l' dra de diger
compgn d'na mangiada
de polnta e codegh,
la zt per l' bamba
e mai la crederss
che l'pl piasga samba,
samba de Presss.

Ol mnd l' deentt pcol
l' ch a portada de m
e l' passa per ridcol
chi canta am nostr,
ma a m me piss i rbe
che i rs-cia de spar
perch l' ecologia
p f bal i giop.

Ormai l'v z la sira
s tte ste cans,
ol tp, ol mnd i gira,
fenss gne stagi;
gh' restt ch sto samba,
l' ol d del s batss,
ciapl mia sta gamba:
l' samba de Presss.

 

E dietro a queste canzonette
quanto tempo buttato via,
ma sono la mia passione e ci metto
un sacco di buona volont;
la gente per pensa
che valgano poco o nulla,
per farla stare pi attenta
dovrei cantare...nudo.

Lo so, questa parlata
dura da digerire,
come una mangiata
di polenta e cotechini,
la gente per sciocca
e non crederebbe mai
che potrebbe piacerle un samba,
un samba di Presezzo.

Il mondo diventato piccolo,
qui a portata di mano
e passa per ridicolo
chi canta ancora in modo nostrano,
ma a me piacciono le cose
che rischiano di sparire,
perch ecologia
anche far ballare i gioppini.

Ormai scende la sera
su tutte queste canzoni,
il tempo, il mondo, girano
finiscono tutte le stagioni;
rimasto qui questo samba,
il giorno del suo battesimo,
non prendetelo sottogamba:
un samba di Presezzo.