Ras

RADICI

 

Gh' di pscc che a pens a come i ra
me se crssie a vedi cambi cra:
sta sfalt e 'l cimnt i sofga i pas
e i l'la cima progresso al pst de stremss.

Gh' di pscc che i mant la memoria
de la zt mia finida in de storia,
i se prta dr mnd che l' stacc cancelt
per, ol mnd d'na lta, m in del cr l' salvt.
    A s cresst quando i fa squase tcc ol massr
gh'ra i ricm di bosse s i strade de ir,
gh'ra i caalr, i mur, i melgcc de pel:
a, brgne, prsech, serse de 'nd a sgrafign.
E l' sarss bl turn s-ct per n'ura
salt 'n del f, 'n del gaiss come alura...
A s cresst quando i fa la polnta gne d
s'mangia poch ma la zt la se la 'mp pi b;
quando l'fa frcc a la sira me 'nda z 'n de stala
snsa la televisi che botp a cntala.
Certo la ta l'ra grama e pi dra,
ma alura 'n giro gh'ra adma natra...
le mia d ch'i ra mi chi tp l,
per ol progrsso a me l' facia pag

Ci sono posti che se penso a com'erano
mi cruccio vedendoli cambiare aspetto:
sotto l'asfalto e il cemento soffocano i paesi
e lo chiamano progresso, invece di spaventarsi...
Ci sono posti che tengono viva la memoria
della gente che non finita dentro alla storia,
portano con s un mondo che stato cancellato
per, il mondo d'una volta, nel cuore l'ho salvato.

Sono cresciuto quando pi o meno tutti facevano i contadini
erano ricamate di sterco di mucca le strade di ieri
c'erano: i bachi, i gelsi, il granturco da scartocciare
uva, prugne, pesche, ciliege da sgraffignare.
Sarebbe bello tornare ragazzo per un'ora:
giocare nel fieno, nella pula del grano come allora...
Sono cresciuto quando si preparava la polenta ogni giorno:
si mangiava poco, ma la gente si voleva un po' pi di bene.
Quando faceva freddo la sera si andava nella stalla,
senza la televisione che spasso chiacchierare.
Certamente la vita era grama e pi dura,
ma tutt'attorno c'era solo natura...
Non voglio affermare
che quelli erano tempi migliori,
per il progresso ce l'ha fatta pagare...