Quan l nasst Ges Bamb

(tradizionale napoletano, attribuito a S. Alfonso Maria de Liguori)

Quanno nascette Ninno

 

Quan l nasst Ges Bamb a Betlemme

lpara mesd ma lra ncc profonda.

Era nott' e pareva miezo juorno.

Lna e stle, lstre e ble

s mai vste issemaib

e la pi ciara

a l guidt i Magi in dna stala.

E 'a cchi lucente,

jette a chiamm li Magge a ll'Uriente.

De frssa i se desdcc a rss i osi

e z a cip ma n dna fsa na.

Cantanno de na forma tutta nova.

Nfna i gr coi s cri cri

a saltt de prat in prt

no i fa che d:

A l nasst ol Dio che lm cret.

 E' nato! E' nato! 
- decvano lo Dio che nce ha criato! 

In chla ncc de frcc e galaverna

a i spuntade i rse e mla fir.

Nascetteno a migliara rose e sciure.

Anche ol f strast e sch

chi dovrt per ol s lcc

a l fiurt

de btoi e de fie a ls riestt.

Se 'nfigliulette
e de frunnelle e sciure se vestette.

Non c'erano nemmice pe la terra,
la pecora pasceva co lione;

la pascola la pgra nsm di tigre e coi le.

Co e caprette se vedette

o liupardo pazzea;

l'urzo e o vitiello
e co lo lupo 'npace o pecoriello.

Coi cavrte, coi manzte,
ol leopardo quat zg.

Lrs coi vedi

e l lf a ldrma in stala coi agni.

 

 

Quando nato Ges Bambino a Betlemme

pareva mezzogiorno ma era notte profonda.

Era notte e pareva mezzogiorno.

Luna e stelle, lustre e belle

non si sono mai viste cos bene

e la pi chiara

ha guidato i magi in una stalla.

La pi lucente

and a chiamare i Magi in Oriente.

In fretta si svegliarono stormi duccelli

E gi a cantare in un modo nuovo.

Cantando in modo tutto nuovo.

Persino i grilli con i loro cri cri

saltellando di prato in prato

non facevano che dire:

nato il Dio che ci ha creato.

 E' nato! E' nato! 
- dicevano il Dio che ci ha criato! 
In quella notte di freddo e galaverna
sono spuntate le rose e mille fiori.

Sono nati a migliaia rose e fiori.

Anche il fieno secco e riarso

che hanno usato per il suo letto

fiorito

di boccioli e foglie si rivestito.

rifior

e si rivest di foglioline e fiori.

Non vi erano nemici sulla terra;
la pecora pascolava con il leone;

pascolava la pecora con tigri e leoni.
Si vide il leopardo
giocare con le caprette;
ci fu pace tra orso e vitello
e tra lupo e agnello.

Con le caprette, con le manzette,

il leopardo quanto ha giocato.

Lorso con i vitelli

e il lupo dorme in stalla con gli agnelli.