PTA

 

 

A Brghem se gista gne sitassi
co la parola pta;
pta l' mi de tate spiegassi:
se scha p a de parl...
A Brghem per tte i necessit
gh' la parola pta
e quando l's pi, pi che sant ciam
a l' dis adma: " Pta...".


Pta, scomincia a dl quando s'parlta
pta, p se fenss pi de dovrl
pta, p l'v a 'l momnt che i dis che pta
pta, a l' crept chl animl....

Ma tte i lte che m ds pta

mghavrss de nets f la bca
pta, i l' la dis i fr quando i se scta
pta, pta Signr, madi che mal!

 

A maioc, a mai a l' maica
a l' a laor che l a l' barbta,
pta, alura pta cimel bambo...
pta, a l' mia, a l' bv e l' bala ol mambo.


Vamos col mambo!


Pta, i dis che l'ra fil del Lca
pta, me l' dis a quando m'f cilca
pta, m'gh' pi de dl quando l'imbri
l' de tocm ol portafi;
pta, o seden dopo la bta
i me la d 'mpun pi sta.
Perch arrivino da sinistra o da destra

le botte le danno sempre al centro

 

 

A Bergamo si aggiusta ogni situazione
con la parola pta;
un pta vale pi di tante spiegazioni:
si pu anche fare a meno di parlare...
A Bergamo per tutte le necessit
c' la parola pta
e quando uno non sa pi che santo chiamare
dice soltanto: " Pta...".


Pta, si comincia a dirlo quando si parlucchia
pta, e non si smette pi di usarlo
pta, poi viene il momento in cui dicono che pta
pta, morto quell'animalaccio...

Ma tutte le volte che diciamo pta,
dovremmo pulirci la bocca,

pta, lo dicono i frati quando si scottano
pta, pta Signore, mamma mia che male!

Se c' da abbuffarsi ci d dentro
quando c' da lavorare che lui borbotta,
pta, allora, pta, chiamalo stupido...
pta, mangia, beve e balla il mambo.


Vamos col mambo!


Pta, dicono che era figlio del "Lecca"
pta, lo diciamo anche quando facciamo cilecca
pta, non dobbiamo pi dirlo quando l'imbroglio
di toccarci il portafoglio;
pta, altrimenti poi la botta
ce la danno un po' pi sotto.