OL MAR

 

IL MARE

 

Per nter zt di vi, zt de pianra
ol mar l'ra n orcol e de s-ct
a me l'figre mia difernt de l'Ada
e l' pitre de rd e de celst.
Tra d file de mucc de s e de l
'mpiene i m fi d' nster sensa f:
"Ol mar- i m'ra dicc- ol mar no l' gh' conf",
ma de che banda, come fe a 'ndin?

 

Ol mar quando l' st la prima lta
l' stacc a 'nd in colonia z a Riccione;
a m'parta co i nste alise de cart,
i nmer sl cordo e adss gran mag
Dopo na ncc a tgn i lacrime sl treno
l' compart l in fnta a loriznt:
"Ol mar, a s'vd ol mar! col cl l l' se confnd;
ma l' pi bl, pi grand, pi vagabnd".

 

E quate lte a l' me f sdissi
perch l' me parla de l'eternit,
intt che l'varde rmie i m dulr,
p dopo 'l zch di onde
a l' me f prd ivi.

 

Ol mar adss l' n tem de vacansa:
ghe passe na quach d in prenspe a li;
a f 'l pieno de belsse e de emossi
ol mar che incnt a l'ura
che l' se dsda ol sul.
Rste l a btga dt ol am
per vd i s creatre d'arznt vv,
che i gh' di nm tat bi de lmin,
m'insgna vcio,
pescadr m ams:

zigule, sparli, saraghi, lagioni, occhiate,
bulagi, sarpe, bghe, orate (fratres);
parole de poesia che i 'ncrda ol sentimnt
quando si mt in rima
co l'i e 'l pedersnt.

E sclde l'estro e l'anima col v,
l' bianch che l' v di ruch de Portof
e in cr a l' crss n'onda de serenit:
"Che a ne lga e a ne porta 'nte 'na creuza de m".

(Coda) La mer qu'on voit danser / Le long des golfes clairs
a des reflets d'argent /La mer sous la pluie.

 

Per noi gente di valle e di pianura
il mare era un oracolo e da ragazzo
me lo immaginavo non diverso dall'Adda
e lo pitturavo di verde e di celeste.
Tra due file di monti di qua e di l
riempivo i miei fogli di un nastro senza fine:
"Il mare- mi avevano detto - non ha confine",
ma da che parte, come facevo ad indovinare?

 

Il mare quando l'ho visto la prima volta
stato ad andare in colonia a Riccione;
partivamo con le nostre valigie di cartone,
i numeri sul corredo e addosso una gran voglia di piangere
Dopo una notte a trattenere le lacrime sul treno
apparso l in fondo all'orizzonte:
"Il mare, si vede il mare! si confonde con il cielo
ma pi blu, pi grande, pi vagabondo".

 

E quante volte mi fa soggezione
perch mi parla dell'eternit,
mentre lo guardo rimugino i miei dolori,
poi dopo il gioco delle onde
mi distoglie dai miei pensieri.

 

Il mare adesso un attimo di vacanza:
ci passo qualche giorno in principio a luglio;
faccio il pieno di bellezze e di emozioni
il mare che incanto nell'ora
che si sveglia il sole.
Rimango l a buttargli dentro l'amo
per vedere le sue creature d'argento vivo,
che hanno nomi cos belli da nominare,
me li insegna un vecchio
un pescatore amico mio:
donzelle, sparli, saraghi, labridi, occhiate,
sciarrani, salpe, boghe, orate (fratres);
parole di poesia che accordano il sentimento
quando si mettono in rima
con aglio e prezzemolo.

E scaldo l'estro e l'anima con il vino,
un bianco delle colline di Portofino
e in cuore cresce un'onda di serenit:
"Che mi lega e mi porta in una stradina di mare".

(Coda) Il mare che vediamo danzare / lungo i golfi chiari

ha dei riflessi dargento / il mare sotto la pioggia.

[Citazioni da F. De Andr e C. Trenet]