NOSTALGIA versi di Carmen Guariglia

NOSTALGIA

 

 

Gh l cr che lisbacica

compagn del campan

ghavrss bisgn de det

per dat na lessi

Ma t te s in filanda

con tcc i rochel

e no te vdet lura

de casss z a durm.

Nostalgia, nostalgia

arda mp che sort de amr
m f l bambo sta la lbia
ma te drvet gna l purt

A l vl d che ndar a lostara

a neg tte i m delsi

e po dopo a ard i stle a l s chi t dr

na mp pi balssa de t

a gh pi, pi de s-cte pi ble de t

che i gh n cr nma de dm de s.

A spass per i stradle

te gh l dulr de p

te rsset vt la lna

ma quando l mesd

adss s prope stf
me sente a sofeg

se no te cmbiet la

st pr a la t c...

 

 

Ho il cuore che si agita

come il campanone

avrei bisogno di vederti

per darti una lezione.

Ma tu sei in filanda

con tutti i rocchetti

e non vedi lora

di infilarti a letto.

Nostalgia, nostalgia

ma guarda che sorta di amore

io faccio lo stupido sotto la loggia

ma non apri neppure il portone

Vorr dire che me ne andr allosteria

ad annegare tutte le mie delusioni

e poi dopo a guardare le stelle so bene chi portare

una un po pi furba di te

c pieno di ragazze pi belle di te

che hanno in cuore solo di dirmi s.

A spasso pr le stradelle

hai il dolor di piedi

vorresti vedere la luna

ma quando mezzogiorno

adesso sono proprio stanco

mi sento soffocare

se non cambi stile

sta pure a casa tua