Mas de fiur

 

 

Mazzo di fiori

 

á

 A l'Ŕ spontÓt Řn ˇter mas de fi¨r
stan˛cc sura ol guardrail del provinciÓl;
ˇ mia p÷dýt fÓ a meno de notÓl
e ˇ alsÓt ol pÚ de l'acelerad¨r.

SegnÓl per ÷na strada de dul¨r
e d'÷na st˛ria che m'v÷l mia scoltÓ,
finida prima am˛ de cominciÓ
per Ř z¨en inemurÓt tr˛p di mut¨r...

TornÓt del militÓr
l'Ŕ riÓt a fas comprÓ
la Delta 16 valvole
e výa d˛po ol laorÓ,
stacade e gran sgomade
per fÓs sŔnt de t÷cc i amýs:
" L'Ŕ Ř mÓnech!", i disýa
al bar del s˛ paýs.
I machine per lŘ i cantÓa
cans¨ de libertÓ
gna l'÷ltem sÓbat sira
l'Ó scoprýt la veritÓ:
÷na frenada lˇnga, lˇnga e d˛po...
d˛po i sirene, ma gh'Úra pi÷ scopo.

E t÷cc i dÚ ol progresso a l' valsa ol prÚsse:
l'Ŕ Ř drago de tŔgn b¨ coi sacrefÚsse;
come in di storie de l'antichitÓ...
ma ol mostro adŔss l'Ŕ la velocitÓ.

E squase squase m'ghe dÓ pi÷ risÓlt
se Ř l' rŔsta massacrÓt sura l'asfÓlt;
e i crŔss i fi¨r de la disperassi¨
col s˛ prof÷m de lacrime e passi¨...

 

╚ spuntato un altro mazzo di fiori
stanotte sopra il guardrail del provinciale;
non ho potuto fare a meno di notarlo
e ho alzato il piede dall'acceleratore.

Segnale per una strada di dolore
e di una storia che non vogliamo ascoltare,
finita prima ancora di cominciare
per un giovane troppo innamorato dei motori...

Tornato dal militare
Ŕ riuscito a farsi comperare
la Delta 16 valvole
e via dopo il lavoro,
staccate e gran sgommate
per farsi sentire da tutti gli amici:
"╚ un manico, dicevano
al bar del suo paese.
Le macchine per lui cantavano
canzoni di libertÓ,
neppure l'ultimo sabato sera
ha scoperto la veritÓ:
una frenata lunga, lunga e dopo...
dopo le sirene, ma non c'era pi¨ scopo.

E tutti i giorni il progresso alza il prezzo:
Ŕ un drago da tenere buono con i sacrifici;
come nelle storie dell'antichitÓ...
ma il mostro adesso Ŕ la velocitÓ.

E quasi quasi non diamo pi¨ risalto
al fatto che uno resta massacrato sull'asfalto;
e crescono i fiori della disperazione