MARCH

 

 

MAROCCO

 

 

 

Parlato: T, t sentt coha l scedt? - Sucedit coh?

lar grh- lar grh?

L sucedit lar grh grh come na Pasqua.

- Madna coha te cntet s

L restada incinta la s-cta del sagrest - Coh?!

L stacc u maruch. L mp nh chi la fa nd, sta storia.

(Canto)- A gh l pas che l, l in piena agitassi

la zt la parla ormai snsa creansa.

Ve l zam spiegt cosla la res

i lngue i cr per colpa dna pansa.

La s-cta del sagrsta , madi che brt afare,

-pens che l la mrt de la belssa-

l mia scoltt i prediche de la s pvra mare

e l perdt lunr e la prssa.

 

Ol diol l sirct f i pagn d maruch

per ind n c del vice del prest:

n m tt csa, altr, incns e candel

adss a gh borlt ol mnd adss.

Ol maruch, chl drito, l enzt la loteria

lse f mant, de bro fil de der;

coi buoni del gorno l vl tr in p na dinastia

e lmns ol sagrest co la scsa del batsem.

(Parlato) Ahi, ahi, no soldi, nipote no batsem no, no, no

non chiamare bambino Antonio, chiamare Mustaf, Mustaf Garbi

- Ms de coh te let ciaml ? I vl ciaml ms de c bau bau.

- E se l na s-cta?

- Al Jazira. -Chi la Cesira?

(Canto) Per chi che pensa doma a crss ol capital

Maometto e Cristo - i dis - i tal e qual.

Istss ol nst march, la s de religi

I i slcc e mia preg piegt in du.

- Allora si integrato

I pi malgn i dis che l z a Casablanca

lera spust e in pi no lfa gidsse;

de vsse ghe n tance, o lnech che lghe manca

l de mai ol salm, a lpnsa che l f schfe

(Parlato) L la maia mia l ol salm, ghl smper s la boca salm de ch, salm de lma lla pra mia - Va l tmbor che i salm a ms nter!

(Canto) Ol Tne sagrest a ldis: A l finida,

sl c me trect z i d tr zmle;

e stan l ndacc a p al sacro prato de Pontida

- Lv pi a Lurdes?

L st p a l gir tra i bancarle

- L comprt laqua del Po

Dopo l rosare a lnga i dispiassr a lostara,

lintuna coi s soci ol Va pensiero,

se p i s de gir i vusa tcc fis mia marva, Il Piave mormor, non passa lo straniero! Un fiasco di quel nero.

Finale a braccio: Battute in arabo. Certo, bro, l chl che ule diga.

Dai Mustafa, porta ch bl fiaschet a mse stinca s de carcad co la grapa. Nter de Brghem de sura, a la polenta mgha dis ol cuscus.

[Scioglilingua vari]: A chla aca l che la in che la c l / ta fala mal am la m?/ Sa la sa lassa salass la sarss mia mrta, / sa la sa lassa mia toc la sarss mia ncinta. Piano piano, lghem parl n atimoCosa c a me sacrestana piace Impara l bergamasch ah che sei un tmbor neh, sei un tmbor proprioE poi anche se ha sposato una sacrestana che problema ci sono, che problema gh, pta me pis. Se me pis me pis Figlia del sacrestano piace tutto bello, lei molto buona, suonare campane insieme, bello io dopo baciare, baciare ogni tanto, bacino din don bacio, din don bacio, eh innamorato.

(Campane arabe). Io la sera andare suonare sempre campane, poi dopo campane tutto bello dai il tuo, suo pap tutto bello brava gente, bra zt, bra zt (Campane a distesa).

 

 

 

Hai sentito cosa successo? Cos successo?

Un fatto grave.. Un fatto grave?

successo un fatto grande come una Pasqua.

-Madonna cosa racconti

rimasta incinta la figlia del sacrestano. Cosa?

stato un marocchino da un po che durava questa storia.

(Canto)- C il paese in piena agitazione

la gente parla ormai senza riguardo.

Vi ho gi spiegato qual la ragione

le lingue corrono per colpa di una pancia.

La figlia del sagrestano, mamma che brutto affare,

-pensare che la morte della bellezza-,

non ha ascoltato le prediche della sua povera mamma

e ha perso l'onore e la purezza.

 

Il diavolo si travestito da marocchino

per andare in casa del vice del parroco:

un uomo tutto chiesa, altare, incenso e candeline

adesso gli caduto il mondo addosso.

Il marocchino, quel dritto, ha vinto la lotteria

si fa mantenere, da bravo schiena di vetro;

con i buoni del governo vuole dare inizio a una dinastia

e munge il sacrestano con la scusa del battesimo.

(Parlato) Ahi, no soldi nipote no battesimo non chiamare bambino Antonio, chiamare Mustaf, Mustaf Gairbi.

- Muso di cosa lo vuoi chiamare? Vogliono chiamarlo muso di cane bau

- E se una bambina?

- Al Jazira. Chi la Cesira?

(Canto) Per quelli che pensano soltanto ad accrescere il capitale

Maometto e Cristo,- dicono-, sono tali e quali.

Lo stesso il nostro marocco, la sua di religione

sono i soldi e non pregare piegato in due.

- Allora si integrato.

I pi maligni dicono che a Casablanca

era sposato e per di pi non faceva giudizio;

di vizi ne ha tanti, lunico che gli manca

di apprezzare il salame, pensa che fa schifo.

(Parlato) Non lo mangia lui il salame, ce lha sempre sulla bocca salame di qui, salame di l ma non lo assaggia- Va l ignorante, che i salami siamo noi!

(Canto) Il Tonio sacrestano dice: finita,

mi sono cadute in testa le torri gemelle;

questanno andato a piedi al sacro prato di Pontida

-Non va pi a Lourdes?

Lho visto girare anche lui tra le bancarelle.

- Ha comperato lacqua del Po

Dopo il rosario annega i dispiaceri allosteria

e intona con i suoi soci il Va pensiero,

quando sono brilli, non meravigliatevi,

gridano tutti: Il Piave mormor, non passa lo straniero!

Un fiasco di quel nero .

Finale a braccio: certo, bravo, quello che volevo dirgli. Dai Mustaf, porta qui un bel fiaschetto che ci sbronziamo di carcad con la grappa Noi di Bergamo di sopra, alla polenta diciamo cuscus.

[Scioglilingua vari]: Guarda quella mucca l che v in quella casa l / ti fa male ancora la mano? / Se si lasciava salassare non sarebbe morta, / se non si lasciava toccare non sarebbe incinta Piano, piano, lasciami parlare un attimoimpara il bergamasco ah che sei un ignorantone