MARG DE SCANS

MARIETTA DI SCANZO

 

O Marg Marg te le b tant

tra i campani de Brsa e Scans,

o Marg Marg che bl incnt

parl d'amr tra Brsa e Scans.

 

H gna me cosa f / to m facc prd ol c

ma ht trich con chi hgrafe / t ciap h d s-ciafe?

Pta, hcltem, alura?! Gh ol m tata dehura

ha lma tra n fal ch a hcr /a l me maha de higr!

 

O Marg, Marg, s 'l t balc

n del cl de Scans stle a mili,

ma Marg, Marg, che lacrim,

la sira che m facc mar.

 

St dr a f l despush? / H de dh o schifus!

Ha ta tre n st contrade / ta f cr a pehade (n del cl).

Brt lifrch d sterlch / to indar mai in nigalch

forbech scir impister / tavr facc dam disster!

O Marg, Marg, p a l cl de Scans

l egnt pi gris quando che l pins;

ma Marg, Marg, i t bi gi

i am celscc a gne stagi.

 

Dss che m s squase cc / te me f gna cld gna frcc

e pens che se mat / dopo che te m lasst.

Ol t tata l gh pi / l sar dr a osti lass,

m nd incc tat al tch / e st b quan che s cich

s smper cich

 

O Marg, Marg, l turna lincnt /del grand amr tra Brsa e Scans;

o Marg, Marg, l per ol v che l cr a l bat snsa soffr.

O Marg, Marg, la m passi l l v de Scans e de Nigr;

ahi Marg, Marg, la m rina l l v chi f a la Treblina.

O Marg, Marg, s inemurt / lamr l dls, mai come ol mosct;

o Marg, Marg, me bi ol sangh / per ol v rss e per chl bianch.

(Parlato): Quando la barba la f ol bianch

m lass prd dne e tacss al v

 

O Marg, Marg (Marietta) ti volevo un gran bene

tra i campanili di Brusaporto e Scanzo,

o Marg, Marg che bellincanto

parlare damore tra Brusa e Scanzo.

 

Non so neppure io cosa faccio / mi hai fatto perdere la testa

ma sta fermo con quelle manacce / vuoi prenderti due schiaffi?

Pota, ascoltami, allora? C il mio babbo di sopra

se mi trova per caso qui al buio / mi ammazza di sicuro!.

 

O Marg, Marg, sul tuo balcone

nel cielo di Scanzo stelle a milioni,

ma Marg, Marg, che lacrimoni,

la sera in cui ci hanno scoperto.

 

Cosa stai facendo l dietro? / Togliti di dosso o schifoso!

Se ti ritrovo in queste contrade / ti faccio correre a pedate (nel culo).

Brutto lazzarone duno stordito / non andrai mai in nessun luogo forsanche signor impiastro / avrai gi fatto un disastro!.

 

O Marg, Marg, anche il cielo di Scanzo

diventato pi grigio quando piange;

ma Marg, Marg, i tuoi begli occhioni

sono ancora celesti ad ogni stagione.

 

Adesso che siamo quasi vecchi / non mi fai n caldo n freddo

e pensare che ero matto / dopo che mi hai lasciato.

Il tuo babbo non c pi / star sacrementando lass,

io tiro avanti alla bene e meglio / e sto bene quando sono sbronzo /

sono sempre ubriaco.

 

O Marg, Marg, torna lincanto / del grande amore tra Brusa e Scanzo;

o Marg, Marg, per il vino che il cuore batte senza soffrire.

O Marg, Marg, la mia passione il vino di Scanzo e di Negrone;

ahi Marg, Marg, la mia rovina il vino che fanno alla Tribulina.

O Marg, Marg, sono innamorato / lamore dolce, mai come il moscato; o Marg, Marg, mi bolle il sangue / per il vino rosso e per quello bianco.

(Parlato): Quando la barba imbianca

bisogna lasciar perdere le donne e attaccarsi al vino.