MADONNINA

(da un sonetto di G. Bonandrini, 1867- 1940;

rielaborazione di L. Ravasio)

 

 

O bla Madonina pitrada

sura la prta de la casa mia,

da picin, 'n prenspe a la giornada,

m te dise col cr l'Ave Maria ...

 

E tcc i d, te sret infiorada

e 'l lantern dencc smper lsia;

ma anche adss t' mia desmentegada

e te regrde con malinconia ...

 

Te m' edt tcc vgn f per ol Batsem,

t' vst pass la festa e 'l fnerl,

l' risplendt s 'n tcc l'amr medsem ...

Madona m! A m' sspira al pi e s in val...

 

E adss, lont, de sira e de matina,

turne a pregt: tgnem lont dal mal,

tgnem la m sl c, o Madonina!

 

 

 

 

 

O bella Madonnina dipinta

sopra la porta di casa mia

da piccolo in principio alla giornata

io ti dicevo col cuore lAve Maria

 

E tutti i giorni eri adornata di fiori

e il lanternino luceva davanti a te;

ma anche adesso non ti ho dimenticata

e ti ricordo con malinconia...

 

Ci hai visti tutti uscire per il Battesimo

hai visto passare la festa e il funerale,

su tutti ha brillato lo stesso amore

Madonna mia! Sospiriamo al piano e in valle...

 

E adesso lontano di sera e mattina

torno a pregarti: tienimi lontano dal male,

tienimi la mano sul capo, o Madonnina!