L S NEDL

Natale

 

I fste de Nedl

i ch a trom

am po a stan.

Nd ngir col c n di piane

mbiancade de la brina

me gde ol zl

o lr de la matina

lida de st in vacansa

per gh l mal de pansa

di regi

me tca pass l d

in di centri comercii.

L sira e finalmnt

me se rincrze

-a tir s la claire-

del blig darznt

di stle

stremide del ciarr di lminre,

che mvarda de guls

quando in chl angol

de cl in crs

magare gh scondida la cometa

La capana l in sala

sta la montagnta

di sch, in del presepio

lalbero l seghta

a f baoct

a gh l cam che fga

fiame e lcine i bala

a i sognade ass quando se s-ct.

-Dai che mv vi p a nter quach d!

-St mi a c mpernter a te ls.

-Per forsa l t laor l trola pronta

gh ch p a i t parcc dom de znta

e lur i porta ol slet panet.-

Ogne tat a ncrusie i cc

con chl Bamb

che lislarga i brass

a di pastr de gss

che ereditt del nono,

-a cuparina i prta i bessut-.

L se l fss ch a l dirss:

-Papano, bl progrss

chl de nd pi gna a messa.-

L s Nedl,

se fi? Se mfai?

Prom a dient

per la giornada

m de buna olont

mia dma de faciada.

 

 

Le feste di Natale

sono venute a farci visita

anche questanno.

Giro con il cane per i campi

imbiancati dalla brina

mi godo il gelo

loro del mattino

lidea di essere in vacanza

per c il mal di pancia

dei regali

mi tocca passare il giorno

nei centri commerciali.

sera e finalmente

mi accorgo

-tirando su la claire-

del formicolare dargento

delle stelle

spaventate dal chiarore delle luminarie

che guardiamo da golosi

quando in quellangolino

di cielo in croce

magari si nasconde la cometa

La capanna in salotto

sotto la montagnetta

di ceppi, nel presepio

lalbero insiste

a giocare a nascondino

c il camino rovente

fiamme e lucine ballano

le ho tanto sognate da bambino.

-Dai che ce ne andiamo per qualche giorno!

-Sto meglio a casa noi soli lo sai.

-Per forza il tuo lavoro trovarla pronta

ci sono anche i tuoi parenti domani per giunta, loro portano il solito panettone.-

Di tanto in tanto incrocio lo sguardo

con quel Bambino

che allarga le braccine

a dei pastori di gesso

che ho ereditato dal nonno,

-sulle spalle portano le pecorine-.

Lui se fosse qui direbbe:

-Stupidotto, bel progresso

quello di non andare pi a messa.-

Natale qui,

che faccio? Che facciamo?

Proviamo a diventare

per la giornata

uomini di buona volont

non solo di facciata.