GIOP

( testo di Sergio Pagliaroli)

 

E te Giop nasst in chl de Sanga

is-ct isvrgol del quondam Brtol Sca

come desmentegt co la lsnga

che la bastuna e co la crapa gnca

 

imbelda de tri gss che i a ds lnga

s la fam de polenta di nscc vcc:

la pansa da, mai scd a l' gnga

pietansa pca per ol rss de s-ccc.

 

T mder la Maria Scatolra

la trafga per tr 'nsma ol disn

ai s du lenden strach e strigss

 

ch'i fcc de la giornada na bandra

lassga ai ter tt ol s def

e d a la ia d'laor : " Sltem adss!".

 

(E tu Gioppino nato in quel di Zanica / ragazzo scapestrato del fu Bortolo Zucca / come dimenticarti con il tarello / che bastona e con la cera gnucca / abbellita da tre gozzi che la dicono lunga / sulla fame di polenta dei nostri vecchi / la pancia vuota, mai uno scudo che risuoni / pietanza poca per lo sciame di ragazzi. / Tua madre la Maria Scatolera / traffica per tirare insieme il desinare / ai suoi due lazzaroni stracchi e vagabondi / che hanno fatto della giornata una bandiera / lasciare agli altri tutto il loro da fare / e dire alla voglia di lavorare "Saltami addosso!")