Dumla
DUEMILA
 
 
L rit ol Dumla
gh zam sinquantagn

e me snte na mosca

in de tila del ragn.

L pect deent cc

quando l cr l am n fir,

pi de sgn i casscc

dr a scad ormai p a lur.

 

L rat ol Dumla

Giubilei, porte sante

mai che lre nindlgnsa

se mtribla coi banche.

M sunt la chitara

anche lltem de lan

ntt i sire i bala

e i brinda col champagne.

 

L rit ol Dumla

e n agrio m fl:

de fs tcc buna cra,

che niss l campe mal.

Dopo, in f de la fra,

i am crus e passi

guai, per, f mia ol pieno

di pi ble intensi.

 

L rat ol Dumla

e se rde pi in l

lispanta e lincanta

ol pensr del dom:

perch ol mnd a lv inante

anche snsa de nter

e se lm a lf ol bambo

Dio lse inventa ergt dter.

 
 

 

arrivato il Duemila

ho gi cinquantanni

e mi sento una mosca

nella tela del ragno.

un peccato invecchiare

quando il cuore ancora in fiore,

pieni di sogni i cassetti

stanno per scadere anche loro.

 

arrivato il Duemila

Giubilei, porte sante

mai che arrivi unindulgenza

se triboliamo con le banche.

Io ho suonato la chitarra

anche lultimo dellanno

intanto i ricchi ballavano

e brindavano con lo champagne.

 

arrivato il Duemila

e un augurio bisogna farlo:

di farsi tutti buona cera,

che nessuno campi male.

Dopo, in fine della fiera,

sono ancora croci e passioni

guai, per, non fare il pieno

delle pi belle intenzioni.

 

arrivato il Duemila

e se guardo pi in l

spaventa ed incanta

il pensiero del domani:

perch il mondo va avanti

anche senza di noi

e se luomo fa lo stupido

Dio si inventa qualche altra cosa.