Cans de la frtna

 

na lta ghra mago

Co na bcia de cristl;

na bcia che la parla

dighe m, l capitl

e i disa: T l na bcia

che l egnida de la lna,

la ghe s po a la manra

de impiantss e fa frtna.

 

Sulamt che bcia e mago

I sta s mut dlont dlopnt

Ma ghe stacc di barlafs

Chi curcc infna l

E per fa parl la bcia

I la portada in processi

E la bcia di segreti

l dcc fra sta cans...

 

 Fir de biglicc de mla

Si f con tcc i nmer:

col ss, col ds, col trdes

ma pi de tt col sdes

per fn insma tance,

per f pi tant prest

sirch de pogi ol sdes

dessura cadregh.

Fir de biglicc de mla

Si f col ms de tla .

A l gha res me pder

inc l conv fa ol lder

lonst pi che l lara

e pi che l v in malura:

gh mla e mla tasse

i smper vde i casse,

gh l ticket, liva, lilor,

gh liciap, linvim, lirpef,

ol rpech, lrghen, i rghegn

(gli organi supremi)

d Stato balabit

che l tira incc a BOT

 

 

Canzone della fortuna

 

Cera una volta un mago

Con una boccia di cristallo;

una boccia che parla

dico io, un capitale

e dicevano: Tu, una boccia

che venuta dalla luna

sa pure il modo

di impiantarsi e far fortuna.

 

Soltanto che boccia e mago

Abitavano su un monte lontanissimo

Ma ci sono stati degli sciocchi

Che sono corsi fino l

E per far parlare la boccia

Lhanno portata in processione

E la boccia dei segreti

Ha emesso sta canzone

 

Fior di biglietti da mille

si fanno con tutti i numeri.

Col sei, col dieci, col tredici

Ma soprattutto col sedici [sedere]

Per accumularne tanti

Per fare pi prestino

Cercate di appoggiare il sedici

Su di un cadreghino.

Fior di biglietti da mille

si fanno col muso di tola.

Aveva ragione mio padre

Oggi conviene fare il ladro

Lonesto pi lavora

E pi va in malora:

ci sono mille e mille tasse

son sempre vuote le casse,

c il ticket, liva, lilor,

c liciap, linvim, lirpef,

lerpice, largano, gli organi

di uno stato balla-nudo (inaffidabile)

che tira avanti a BOT

(a casaccio)