LA BEPINA

 

La Peppina

 

 

Tcc i enerd d' matina

a Put a gh' ol merct

alra la Bepina

la sra de f ol gat

gran brao de f i desprse

e via, la va a f i spese.

Ormai se la conss

intt che la va gli

la tira f ol scartss

col s micht de p

fint ol p l' orare

che la 'nva s 'l rosare.

E a pass de ave Maria

l' a Put al quint mistero

dessura de la ra

aprf al cimitero

in fnta a la discesa

la taca a fa la spesa.

Per per contentala

che srt de tribl

per frsa m scoltala

l' ch per tgn a m

la ds che i btighr

rob l' 'l s mestr:

I crss compgn che i vl!

ard ol Pier Stopcc,

che l' gh'era gn 'l fassl

de freg z ol maccc:

adss co la butga

l' scior e no l' fadga.

Compgn de tte i mde

ghe pias a critic

per tgn molt la lngua

la gh' de zabet...

l' 'ndacia a t p a 'l pss

la borsa intt la crss.

"Ma cara s car

'nd gh'f p la cossiensa"

Ma siura, 'ndm, me par...

Pitst a rste sensa!

Me par che pi de iss

niss a l' ve tire indr;

l' lana de besst

credf che 'nd a rob?

Lassla a mla e tt

la bterss ivi...

Ma la sma 'l bombss,

l' buna per i strass!

La va de chl di pm

che l' vusa. "Dne, s-cte,

i sche, mga pm,

-e l' f trem i casste-

ard scira Bepina

che bi, neh, stamatina..."

Ma l, 'sta permalusa,

la tira f i gii

e 'ntt che l' socio a l' vsa:

"Spuse, vegn a compri!"

i a palpa e rga tcc

che l' par la srche i picc.

La s-cipa adss la borsa

e l' cica z ol mesd,

m turn indr de corsa,

l' lnga a fala a p,

per guadagn ds ghi:

chilometri e basi.

Lassmla l a poss...

l' prpe straca mrta,

la s' infilada 'n c

la gn sert la prta

e l' la capda a 'l gat:"L' egnda del merct...".

 

 

 

Tutti i venerd mattina

a Ponte S. Pietro c' il mercato

allora la Peppina

chiude fuori casa il gatto:

specialista nel combinare guai

e via, va a far le spese.

Ormai la conoscono tutti:

mentre va in l

tira fuori il cartoccio

con la sua brava michetta,

finito il pane, ora

di avviare il rosario.

E a passo di ave Maria

a ponte al quinto mistero:

sopra la salita,

vicino al cimitero,

in fondo alla discesa

comincia a fare la spesa.

Per, per accontentarla

che razza di tribolare...

per forza bisogna darle retta

qui per risparmiare,

noto che i bottegai

rubare il loro mestiere.

"Aumentano i prezzi come gli gira...

guardate il Pierino Stopacci

che non aveva neppure il fazzoletto

per pulirsi il muco,

adesso con la bottega

ricco senza faticare".

Come tutte le zitelle

le piace criticare:

per tenere la lingua affilata

deve spettegolare...

la borsa intanto cresce

andata a prendere il pesce.

"Ma caro voi, siete caro!

dove l'avete la coscienza..."

"Ma signora, andiamo, mi pare..."

"Piuttosto resto senza!"

"Mi pare che pi di cos

nessuno pu ribassare;

pura lana,

credete che vada a rubare?

se la lasciassi a mille e otto

la butterei via..."

"Ma sembra bambagia

va bene per gli stracci!".

Va da quelle delle mele

che strilla: "Donne, ragazze,

sono zucche, non mele!

-e fa tremare le cassette-

guardate signora Peppina

che belli, neh, stamattina...".

Ma lei, 'sta permalosa,

tira fuori gli occhiali

e mentre il tipo urla:

"Spose, venite a comperarle!"

le tasta e smuove tutte

come se cercasse i pidocchi.

Adesso la borsa scoppia

e suona mezzogiorno,

bisogna tornare indietro di corsa,

lunga farla a piedi,

per risparmiare una manciata di quattrini:

chilometri e gradini.

Lasciamola riposare...

proprio stanca morta,

si infilata in casa

senza chiudere la porta

e l'ha capito persino il gatto:

"'E tornata dal mercato...".