BARBAPDER

TRADUZIONE

L' indcc a cassa d ol Giop

si spale l'gh'ra ol s-ciopet

e in m i gabite di ricim

per f marnda p e salm

no l' veda l'ura d'f bam, bam ... 

Ma quando l' ra f a l'oselanda

ghe trma i cipe e la mdnda

perch l l' vd vis al tabit

n m co i cregn de cavrt

che l bsga stss del teremt.                 

Madna m, l'ra ol diol

Che l' dis: - Giop, v s de bro!

se gh't de ss iss contt?

e dm in spala cosa gh't?

e dm in spala cosa gh't?

 - L' la m pipa -,  l l'respnd

e l' vd che l'diol a l' se sconfnd

p l'dis: -V s e fm pro

a l m' egnt via de fm 

che bl pip! Fmel pro...

 'L Giop l'ghe d 'l fsl e dca

ol diol a l' mt la cana in bca

p l'tira e l'tira 'sto luc

convinto de iga 'n m pip

a l' tira prpe de sat!

 L' partt vi na s-ciopetada  

ol diol a l'f na ribaltada

col cl per aria 'sto mamao

a l' mssa infna ol bs del gnao 

( l' ngher p a' chl del diol).

 A l' salta in p che l' mss cich

l' mia capt negt chl gnch

e dopo tt chl patatrch

a l'dis: "Giop, ol t tabch

a l trp frt e l me pias gnach

(ca sa sae ca egne gnch 

ol t tabch a l proe gnach)".

 Adss ve f p a la morl:

anche ol diol a mpl fregl

l lf i pignate e mia i tai

compgn de tcc i s fradi

 ve 'ngre de freg p a chi.

 

parlato: Per con chi l pi malf...

Gh n giro trp tance berech

che i te f s 'n d'na fia de osman

e la morl in coclsi l che:

Chi che mbria gran ladr

i otgn snto agn de perd

 

 

 

'E andato a caccia un giorno Gioppino
sulle spalle aveva il fucile
in mano le gabbiette dei richiami
per merenda pane e salame
non vedeva l'ora di fare bam bam.

 

Ma quando arriva all'uccellanda
gli tremano le chiappe e le mutande

perch vede vicino al capanno

un uomo con le corna di caprone 

che tossisce come il terremoto.

 

Madonna mia, era il diavolo
che dice: - Gioppino vien qui da bravo!
Che hai da essere cos contento?
e dimmi in spalla cos'hai?

- 'E la mia pipa -, lui risponde

vede che il diavolo in confusione 

poi dice: - Vieni qui e fammi provare

mi venuta voglia di fumare

che bel pipone! Fammelo provare...

 

Gioppino gli d il fucile e dunque
il diavolo mette la canna in bocca              

e tira, tira 'sto stupidone

convinto di avere per le mani un pipone

tira proprio da ingordo.

 

'E partita una schioppettata

il diavolo fa una ribaltata

col culo per aria 'sto imbecille

mostra anche il buco del "gnao"

( nero anche quello del diavolo).

 

Salta in piedi che mezzo ubriaco

non ha capito nulla quel gonzo

e dopo tutto quel patatrac

dice: "Gioppino, il tuo tabacco

troppo forte e neanche mi piace

(che se sapevo che sarei diventato gnecco

il tuo tabacco non l'avrei neanche assaggiato)".

  Adesso vi faccio pure la morale:

anche il diavolo possiamo fregarlo

lui fa le pentole e non i coperchi

come tutti i suoi fratelli

vi auguro di fregare anche quelli.

 

Parlato: Per con quelli pi difficile...

Ci sono in giro troppi birichini

che ti cucinano in una foglia di rosmarino

e la morale in conclusione che:

Chi imbroglia un grande ladrone

ottiene cento anni di perdono.